home radio 1 cloud
Radio 1 Cloud è una web radio personale, si ispira a colui che ha inventato questo mezzo straordinario, cosi antico ma così longevo Guglielmo Marconi, la radio unisce le persone, quelle più vicine a noi, ma anche quelle a noi più lontane; soprattutto in questo momento così difficile per l'intera umanità, insieme possiamo farcela ! - Radio 1 cloud è diffusa con dedicati contenuti e relative licenze per l'utilizzo dei diritti: in Europa tramite l'indirizzo www.radio1cloud.eu - licenza ITS RIGHT n° 000011/V/LI; - in GERMANIA: tramite l'indirizzo: www.radio1deutschland.de - GEMA Lizenz; in PORTOGALLO: tramite l'indirizzo: www.radio1portugal.pt Licenciamento Rádio Online Rádio 1 Portugal 52.1/AA/CF - La diffusione avviene nel rispetto delle disposizioni tecnico/normative dei relativi paesi dove il canale radio viene trasmesso. - Radio 1 Cloud is a personal web radio, inspired by the one who invented this extraordinary medium, so ancient but so long-lived Guglielmo Marconi, the radio unites people, those closest to us, but also those most distant from us; especially in this difficult time for all humanity, together we can do it! - Radio 1 cloud is widespread with dedicated contents and related licenses for the use of rights: in Europe through the address www.radio1cloud.eu - ITS RIGHT license n ° 000011 / V / LI; - in GERMANY: through the address: www.radio1deutschland.de - GEMA Lizenz; in PORTUGAL: through the address: www.radio1portugal.pt Licenciamento Rádio Online Rádio 1 Portugal 52.1 / AA / CF - Dissemination takes place in compliance with the technical / regulatory provisions of the relevant countries where the radio channel is broadcast. - Radio 1 Cloud ist ein persönliches Webradio, inspiriert von demjenigen, der dieses außergewöhnliche Medium erfunden hat, dem so alten, aber so langlebigen Guglielmo Marconi. Das Radio vereint Menschen, die uns am nächsten stehen, aber auch diejenigen, die am weitesten von uns entfernt sind. Besonders in dieser schwierigen Zeit für die ganze Menschheit können wir es gemeinsam schaffen! - Die Radio 1-Cloud ist mit dedizierten Inhalten und zugehörigen Lizenzen für die Nutzung von Rechten weit verbreitet: in Europa über die Adresse www.radio1cloud.eu - ITS RIGHT-Lizenz Nr. 000011 / V / LI; - in DEUTSCHLAND: über die Adresse: www.radio1deutschland.de - GEMA Lizenz; in PORTUGAL: über die Adresse: www.radio1portugal.pt Licenciamento Rádio Online Rádio 1 Portugal 52.1 / AA / CF - Die Verbreitung erfolgt gemäß den technischen / behördlichen Bestimmungen der jeweiligen Länder, in denen der Radiosender ausgestrahlt wird. - O Radio 1 Cloud é um rádio pessoal na Web, inspirado por quem inventou esse meio extraordinário, tão antigo, mas tão antigo, Guglielmo Marconi, que o rádio une pessoas, as mais próximas a nós, mas também as mais distantes; especialmente neste momento difícil para toda a humanidade, juntos podemos fazê-lo! - A nuvem Radio 1 é difundida com conteúdo dedicado e licenças relacionadas para o uso de direitos: na Europa, através do endereço www.radio1cloud.eu - sua licença DIREITA n ° 000011 / V / LI; - na ALEMANHA: através do endereço: www.radio1deutschland.de - GEMA Lizenz; em PORTUGAL: através do endereço: www.radio1portugal.pt Licenciamento Rádio Online Rádio 1 Portugal 52.1 / AA / CF - A divulgação ocorre em conformidade com as disposições técnicas / regulamentares dos países relevantes onde o canal de rádio é transmitido.

in diretta dalla Camera dei Deputati 

on-air-datapp
f82393ee5ac99163f7ec9a72ed30d598
37b8ca8c3e4f2c30df0e729fed958f10
5bc58b968a2a2a2c21b8ae8dc2c6f5ac
Governo: oggi Conte si dimette Prima il Cdm, poi al Colle da Mattarella Avvio consultazioni difficile prima di mercoledì pomeriggio. Pd, M5S e Leu ribadiscono il proprio sostegno al presidente del Consiglio --- Giuseppe Conte si recherà al Quirinale per dimettersi, aprendo una delicata crisi di governo. Comunicherà prima al Consiglio dei Ministri la sua decisione di lasciare il governo, poi salirà al Colle per la formalizzazione.Da quel momento in poi diverse soluzioni entreanno negli scenari che dovrà valutare il Capo dello Stato, che sicuramente avvierà consultazioni lampo con tutte le forze politiche, dal reincarico al premier uscente per un "ter", come a parole auspicano Pd,M5s e Leu, fino alla soluzione estrema dello scioglimento delle Camere. Le consultazioni del capo dello Stato, dopo le dimissioni del premier Giuseppe Conte annunciate per questa mattina, difficilmente potrebbero iniziare prima di mercoledì pomeriggio. Sulla strada ci sono infatti motivi tecnici per la preparazione dei locali con le indispensabili sanificazioni. Mercoledì mattina inoltre il presidente Sergio Mattarella ha in programma la cerimonia per le celebrazioni del "Giorno della Memoria". Il Movimento Cinque Stelle, a caldo, definisce il passaggio a un Conte ter "inevitabile" e "l'unico sbocco di questa crisi scellerata". "Un passaggio necessario - prosegue una nota dei capigruppo pentastellati - all'allargamento della maggioranza". Anche il Pd apre a un nuovo governo a guida dell''avvocato degli italiani', ma sul come è ancora buio pesto. La decisione di salire al Colle, arriva dopo una lunga giornata segnata dalla tensione e dall'incertezza. Il presidente del Consiglio per ore è stato di fronte al bivio se dimettersi in giornata o attendere ancora. Ha deciso di aspettare qualche ora in più nel tentativo di incassare il via libera dei partiti di riferimento della maggioranza (Pd,M5s e Leu). Un via libera poi giunto ma che nei fatti non rappresenta ancora un viatico per il ter fino a quando non si chiariranno le posizioni di Iv e dei centristi durante le consultazioni del Quirinale. Tant'è che da questo momento in poi tutto sembra possibie, anche le larghe intese. l'unità nazionale, o i governi istituzionali. L'unica strada scartata dai fatti è quella di convincere il Presidente della Repubblica di avere ancora una maggioranza in grado di superare ogni scoglio, a partire da quello sulla giustizia dei prossimi giorni. Sullo sfondo resta l'ipotesi di elezioni anticipate, puntualmente negate da tutti, ma inevitabili nel caso in cui ogni qualsivoglia intesa parlamentare dovesse naufragare. Ore febbrili quindi, soprattutto all'interno della coalizione che fu maggioranza, ma acque agitate anche nel centrodestra, dove si fa più ampia la divisione tra chi, come Forza Italia si dice disponibile a un governo di unità nazionale e chi, invece, come Lega e FdI, guardano già alle urne. Nelle ore più calde interviene direttamente Silvio Berlusconi che prima smentisce "ogni trattativa per un eventuale sostegno al governo in carica". Come dire, addio 'responsabili'. Quindi propone una via d'uscita: "La strada maestra è una sola: rimettere alla saggezza politica e all'autorevolezza istituzionale del Capo dello Stato di indicare la soluzione della crisi, attraverso un nuovo governo che rappresenti l'unità sostanziale del paese in un momento di emergenza oppure restituire la parola agli italiani". "L'Udc rimane fuori dai giochi dei 'responsabili'. E' questa la posizione condivisa dai parlamentari Udc in una riunione che si è svolta stamane nella sede nazionale del partito. I tre senatori dello Scudo crociato hanno votato all'unanimità NO alla fiducia del Governo e voteranno, in maniera compatta, NO alla relazione del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede", si legge in una nota diffusa dall'Ufficio stampa del partito. In Italia "stiamo un po' nei guai, nel pieno di una crisi che non aiuta le cose, avremmo bisogno di un governo capace di garantire che la crisi non diventi crisi sociale, che non ci sia crisi finanziaria, che sappia assicurare la qualità del piano di Recovery e confermi la scelta europeista, e invece siamo nell'incertezza", ha detto il commissario all'economia Paolo Gentiloni, intervenendo ad un evento organizzato dal Pd Belgio. "Si parla di dimissioni di Conte? Avrebbe già dovuto darle. C'è un piano vaccinale fermo, le scuole sono aperte in una città sì e una no, ci sono due milioni di posti di lavoro a rischio, e noi stiamo in ballo sugli umori di Conte, Di Maio, Zingaretti, e sulle trattative di Tabacci e Mastella. È irrispettoso, disgustoso, volgare, deprimente", ha detto Matteo Salvini lasciato il Palazzo di Giustizia di Torino dove oggi ha preso parte all'udienza del processo in cui è chiamato in causa per vilipendio dell'ordine giudiziario.

in diretta dal Senato della Repubblica