home radio 1 cloud
Radio 1 Cloud è una web radio personale, si ispira a colui che ha inventato questo mezzo straordinario, cosi antico ma così longevo Guglielmo Marconi, la radio unisce le persone, quelle più vicine a noi, ma anche quelle a noi più lontane; soprattutto in questo momento così difficile per l'intera umanità, insieme possiamo farcela ! - Radio 1 cloud è diffusa con dedicati contenuti e relative licenze per l'utilizzo dei diritti: in Europa tramite l'indirizzo www.radio1cloud.eu - licenza ITS RIGHT n° 000011/V/LI; - in GERMANIA: tramite l'indirizzo: www.radio1deutschland.de - GEMA Lizenz; in PORTOGALLO: tramite l'indirizzo: www.radio1portugal.pt Licenciamento Rádio Online Rádio 1 Portugal 52.1/AA/CF - La diffusione avviene nel rispetto delle disposizioni tecnico/normative dei relativi paesi dove il canale radio viene trasmesso. - Radio 1 Cloud is a personal web radio, inspired by the one who invented this extraordinary medium, so ancient but so long-lived Guglielmo Marconi, the radio unites people, those closest to us, but also those most distant from us; especially in this difficult time for all humanity, together we can do it! - Radio 1 cloud is widespread with dedicated contents and related licenses for the use of rights: in Europe through the address www.radio1cloud.eu - ITS RIGHT license n ° 000011 / V / LI; - in GERMANY: through the address: www.radio1deutschland.de - GEMA Lizenz; in PORTUGAL: through the address: www.radio1portugal.pt Licenciamento Rádio Online Rádio 1 Portugal 52.1 / AA / CF - Dissemination takes place in compliance with the technical / regulatory provisions of the relevant countries where the radio channel is broadcast. - Radio 1 Cloud ist ein persönliches Webradio, inspiriert von demjenigen, der dieses außergewöhnliche Medium erfunden hat, dem so alten, aber so langlebigen Guglielmo Marconi. Das Radio vereint Menschen, die uns am nächsten stehen, aber auch diejenigen, die am weitesten von uns entfernt sind. Besonders in dieser schwierigen Zeit für die ganze Menschheit können wir es gemeinsam schaffen! - Die Radio 1-Cloud ist mit dedizierten Inhalten und zugehörigen Lizenzen für die Nutzung von Rechten weit verbreitet: in Europa über die Adresse www.radio1cloud.eu - ITS RIGHT-Lizenz Nr. 000011 / V / LI; - in DEUTSCHLAND: über die Adresse: www.radio1deutschland.de - GEMA Lizenz; in PORTUGAL: über die Adresse: www.radio1portugal.pt Licenciamento Rádio Online Rádio 1 Portugal 52.1 / AA / CF - Die Verbreitung erfolgt gemäß den technischen / behördlichen Bestimmungen der jeweiligen Länder, in denen der Radiosender ausgestrahlt wird. - O Radio 1 Cloud é um rádio pessoal na Web, inspirado por quem inventou esse meio extraordinário, tão antigo, mas tão antigo, Guglielmo Marconi, que o rádio une pessoas, as mais próximas a nós, mas também as mais distantes; especialmente neste momento difícil para toda a humanidade, juntos podemos fazê-lo! - A nuvem Radio 1 é difundida com conteúdo dedicado e licenças relacionadas para o uso de direitos: na Europa, através do endereço www.radio1cloud.eu - sua licença DIREITA n ° 000011 / V / LI; - na ALEMANHA: através do endereço: www.radio1deutschland.de - GEMA Lizenz; em PORTUGAL: através do endereço: www.radio1portugal.pt Licenciamento Rádio Online Rádio 1 Portugal 52.1 / AA / CF - A divulgação ocorre em conformidade com as disposições técnicas / regulamentares dos países relevantes onde o canal de rádio é transmitido.

 IN PRIMA PAGINA

Covid: Numeri ancora alti, quasi 17.000 casi e 380 vittime

on-air-datapp
600x200
VACCINI1
----- CORTESIA ANSA.IT -----I numeri dell'epidemia di Covid-19 in Italia sono ancora altri, sia per quanto riguarda i nuovi casi, che dopo la discesa delle scorse settimane sembrano essersi stabilizzati, sia per quanto riguarda i ricoveri e i decessi: tutti i valori indicano che la situazione continua a richiedere attenzione e prudenza, osserva il fisico Enzo Marinari, dell'Università Sapienza di Roma, e la Fondazione Gimbe invita alla prudenza, per evitare che la curva epidemica torni a salire. I dati del ministero della Salute indicano che i nuovi casi positivi sono stati 16.974, contro i 16.168 del giorno precedente, e sono stati individuati grazie a 319.633 test, fra molecolari e antigenici rapidi, ossia oltre 15.000 in meno rispetto ai 334.766 di 24 ore prima. Torna a salire in un giorno dal 4,8 al 5,3 il tasso di positività, risultato del rapporto fra il totale dei casi e il totale dei tamponi.Sempre alto anche il numero dei decessi, con 380, anche se si registra un calo importante rispetto ai 469 del giorno precedente. Lieve il calo dei ricoverati nelle unità di terapia intensiva, con 73 unità in meno in 24 ore nel saldo giornaliero tra entrate e uscite; i nuovi ingressi sono stati 211, contro i 216 del giorno prima e il totale dei ricoverati è sceso complessivamente da 3.490 a 3.417. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 25.587 persone, in calo di 782 in un giorno. Per quanto riguarda la situazione nelle regioni, il maggiore incremento di casi positivi in 24 ore si è registrato in Lombardia, con 2.722, seguita da Campania (2.224), Puglia (1.867), Sicilia (1.450), Lazio (1.330), Piemonte (1.264), Toscana (1.206), Emilia Romagna (1.150), Veneto (1.085). "Ci troviamo di fronte a una situazione non semplice, che richiede ancora molta attenzione", osserva Marinari. "Per quanto riguarda i nuovi casi, il picco è stato superato, ma con molte indecisioni: c'è stata una discesa evidente per due settimane e poi un rallentamento. Adesso la discesa è molto prudente".

Ristoranti, cinema e palestre. Varate le linee guida delle Regioni

riga2 logo3
f58f35c92cca8c89869fcef199267923
c1cdb07c4b8b7864a52ffaf6a4a16a46
d44da3e0a326b75ae59a6acb0ed40528
----- CORTESIA ANSA.IT ----- Due metri di distanza all'interno di palestre, cinema, teatri e nei ristoranti, dove sarebbe vietata la consumazione al banco dopo le 14. Le Regioni propongono le regole per far ripartire il Paese, anche nelle zone rosse.E ora le linee guida per la riapertura delle attività, lanciate dai governatori, andranno al vaglio del Comitato Tecnico Scientifico e infine dell'Esecutivo. Ma già nelle prossime ore, nel corso della cabina di regia del Governo, si discuteranno i dati settimanali del contagio in vista dell'adozione delle nuove misure a maggio e della scadenza del decreto del 30 aprile. Con l'Italia in gran parte arancione, a rischiare la zona rossa potrebbe essere la Sicilia, che si aggiungerebbe così a Puglia, Sardegna e Valle d'Aosta nell'area delle misure più restrittive. La Campania, invece, spera nella 'promozione' in arancio. Aldilà delle zone, il tema al centro del dibattito riguarda le misure di carattere nazionale. A chiederne un calendario sono tutte le forze politiche, che però hanno diversi pareri sulle modalità di intervento. Per la Lega "se i dati sono da zona gialla in alcune Regioni" bisognerebbe "allentare un po' le restrizioni". E anche se Draghi non ha escluso che qualche apertura venga anticipata già entro la fine del mese (l'ipotesi è il 26 aprile), i più rigoristi frenano. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, annuncia però un percorso: "Dobbiamo ascoltare il grido d'allarme dei medici che non possono essere lasciati solo in trincea - dice alla Camera - . Bisogna essere tempestivi nelle chiusure quando serve e abbiamo il dovere di costruire una road map per l'allentamento delle misure sempre approvate all'unanimità dal Cdm". Speranza, serve una road map 'non dobbiamo sbagliare tempi e modi' perché "l'ultimo monitoraggio dopo 4 settimane di misure severe segnala che le terapie intensive sono ancora al 41% di occupazione". Per il ministro "ci sono le condizioni per guardare con fiducia alla fase che si sta aprendo" e "per raccogliere i primi concreti risultati del lavoro che svolgiamo da mesi grazie alle vaccinazioni". Anche per il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, "ci sono condizioni per pianificare una serie di riaperture. Dobbiamo pensare a un piano con date certe e scadenze, per dare modo di organizzarsi alle attività che hanno bisogno di più tempo per farlo, come nel caso del turismo. Ad esempio, agli albergatori dobbiamo dire già oggi che magari da giugno possono mettere in moto la macchina". Il governo sta lavorando anche al decreto di maggio. Un tasso di copertura vaccinale di circa il 70% per le fasce a maggiore rischio - over 80 e fragili - da tenere in considerazione per i parametri che determineranno i nuovi profili di rischio nelle varie regioni. E' questa une delle ipotesi a cui sta lavorando un gruppo di coordinamento tra Regioni e Istituto Superiore di Sanità. Il provvedimento, ancora al vaglio dell'Iss, potrebbe essere proposto nel nuovo decreto.

REDAZIONE   AMERICA

segui gli aggiornamenti in diretta dalla "RADAZIONE AMERICA" di RADIO 1 CLOUD

 REDAZIONE

 ISTITUZIONALE 

in diretta dal Senato della Repubblica

in diretta dalla Camera dei Deputati

Conferenza stampa del Presidente del Consiglio Mario Draghi